• Contatti
  • On Air [9.00am - 1.00pm]
Aggiornamento di tutto, mi dispiace per l'inconveniente, ma ci vorranno un altro giorno o due. Nel frattempo commenti e forum dovrebbero funzionare - 1K8

Stiamo facendo la ristrutturazione del sito. Ci vorranno un paio di giorni. Nel frattempo vi lascio questo spazio per i commenti liberi.

Commenti sulla caduta del governo.

di Giulietto Chiesa - Il Fatto Quotidiano

Il 24 luglio scorso, 18 anni dopo la tragedia dell’11 settembre a New York, nel silenzio totale dei grandi media americani (e italiani), cinque uomini non “qualunque” si sono riuniti nel Distretto di Piazza Franklin e Munson, a un passo dai Queens di New York, per approvare, all’unanimità, una risoluzione.

Il cui testo proclama l’”incontrovertibile evidenza” del dato che “esplosivi preventivamente collocati” all’interno delle “tre torri” del World Trade Center, “ne hanno provocato la distruzione”.

Chiunque abbia seguito un poco le polemiche che da 18 anni ruotano attorno alla spiegazione dell’11 Settembre 2001, si renderanno conto immediatamente che una tale dichiarazione cancella in un colpo solo l’intero impianto della inchiesta ufficiale, contenuta nel famigerato “9/11 Commission Report”.

Il viaggio in barca a vela a New York dell’attivista climatica svedese Greta Thunberg ha un retroscena molto meno ecologico di quello che vogliono far sembrare. Secondo un rapporto del giornale tedesco “taz” , il viaggio transatlantico con la “Malizia” produrrà più CO2 dannosa per il clima che se Greta e padre fossero volati negli Stati Uniti .

“So che ci saranno persone che cercheranno di temporeggiare sul problema del clima e che faranno di tutto per spostare il focus della discussione su qualcos’altro, ma non me ne preoccupo”, avvisava Greta i giornalisti presenti a Plymouth.

Avrà preso l’aereo anche qualcuno di loro per salutare la bimba?

Informazioni diffuse su alcuni giornali si basano su una dichiarazione del portavoce dello skipper tedesco Thisberg Boris Herrmann.

Cinque esperti dovranno riportare la barca in Europa, dopo l’arrivo di Greta a New York. 

Segnalazioni e commenti degli utenti sulle notizie più recenti.

Terrificante: il morbillo uccide in pochi giorni. Lo dice il Fatto Quotidiano. L’articolo si intitola: “Hostess contrae il morbillo in volo: muore a 43 anni qualche giorno dopo”. C’è veramente da farsela sotto.

Nel testo dell’articolo c'è la conferma: “Ha contratto il morbillo da un passeggero mentre stava lavorando su un volo partito da New York e diretto a Tel Aviv ed è morta pochi giorni dopo”. Terrificante, questa malattia. Solo l’infarto e il curaro agiscono più rapidamente. Bisogna fare veramente attenzione a questo morbillo, dobbiamo correre tutti a vaccinarci (due volte, mi raccomando, non una, perchè “dagli accertamenti è emerso che la donna aveva fatto solo una dose del vaccino, invece delle due prescritte”).

Poi, se uno solo si prende la briga di andare a cercare la fonte originale, scopre che le cose stanno un po' diversamente.

 Intervista a Stefania, una madre di Vicenza. Si scopre che non solo i bambini vengono spesso tolti ai genitori senza un valido motivo, ma che una volta raggiunti i 18 anni il problema si capovolge: siccome i bambini non rendono più nulla in termini economici, vengono restituiti ai genitori come se fossero merce di scarto, avariata e difficilmente recuperabile.

È stato geniale. Con un semplice 17% in parlamento, Salvini è riuscito ad andare al governo facendo un accordo acrobatico e improbabile con i Cinque Stelle. In realtà a lui di quello che c’era scritto nel “contratto di governo” non importava più di tanto. Quello che gli importava veramente era di avere il ministero degli interni, perché grazie a quello Salvini ha potuto impostare “da dentro” una campagna elettorale permanente. Come ministro degli interni, infatti, ha potuto mostrare i muscoli ed ha potuto chiudere i porti delle coste italiane.

Gli è bastato così respingere qualche centinaio di migranti, per passare agli occhi di tutti come il salvatore della patria. “Se Salvini vuole respingere i migranti - ragiona l’uomo della strada - vuol dire che ha veramente a cuore l’Italia e gli italiani, e quindi io alle prossime elezioni lo voterò sicuramente.”

In questo modo il favore di Salvini è schizzato rapidamente verso l’alto, e quello che solo un anno fa era un relativamente magro 17%, si è letteralmente raddoppiato con le elezioni europee.

Segnalazioni e commenti degli utenti sulle notizie più recenti.

Quando è uscito sul Fatto Quotidiano l’articolo di Ivo Mej che parlava di American Moon, Paolo Attivissimo ha scritto indignato al direttore Peter Gomez, chiedendo una “rettifica” rispetto ai suoi contenuti. In altre parole, Attivissimo reputava l’ipotesi del falso lunare talmente insostenibile da un punto di vista oggettivo che pretendeva da Gomez, in base alle leggi vigenti, una correzione nel rispetto dei fatti (secondo lui) “dimostrati”.

Gomez però gli ha risposto che siamo nel mondo delle opinioni, e che la sua valeva esattamente quanto quella di Ivo Mej. Comportandosi in modo assolutamente corretto, inoltre, Gomez offriva ad Attivissimo “pari spazio con pari visibilità” per replicare ai contenuti del pezzo di Mej. Attivissimo però rifiutava sdegnato, dicendo che “non voleva regalare dei click gratuiti a Gomez” (come se Il Fatto Quotidiano avesse bisogno di Attivissimo per farsi conoscere meglio). La cosa quindi finiva lì.

Accade che qualche giorno dopo Attivissimo si fa intervistare da Vanity Fair sulla questione del falso allunaggio.